Aloise&Partners

Aloise&Partners | Dottori Commercialisti

Aloise&Partners offre servizi di alto valore aggiunto in ambito Fiscale e Societario, nel controllo di gestione, nella pianificazione in ambito finanziario ed in generale nella Consulenza Strategica nei processi di consolidamento e di crescita delle aziende.

In ambito Giuridico Aloise&Partners intrattiene rapporti di consuetudine con importanti Studi Notarili e Legali di Varese e di Milano e con primari Studi Legali di Milano aventi vocazione internazionale.

Aloise&Partners l’eccellenza nel dettaglio

Aloise&Partners nasce nel 2007 su iniziativa del suo fondatore Dott. Massimo Aloise sulla base di una pluriennale esperienza maturata all’interno di un gruppo di professionisti (Dottori Commercialisti, Avvocati, Consulenti del Lavoro, Revisori Contabili), nello Studio Legale e Tributario di Varese, con l’obiettivo di dotare un’adeguata risposta alle mutevoli esigenze del mercato ed al fine di fornire un servizio di consulenza integrato e personalizzato.

In pochi anni, grazie alla fiducia ed al privilegio di assistere importanti aziende e gruppi industriali nazionali ed internazionali, Aloise&Partners è cresciuto e si è rafforzato, diventando un punto di riferimento nel contesto economico produttivo in cui opera.

Sin dalla sua origine, l’obiettivo è stato quello di creare una struttura dinamica ed organizzata, in cui ogni professionista potesse esprimere le proprie abilità usufruendo altresì delle capacità tecniche e dell’esperienza di tutti. Si è gradualmente creata una struttura di consulenza integrata e pluridisciplinare la quale, condividendo rigorosità e stile, è in grado di assistere i propri clienti fornendo soluzioni “su misura” che integrano gli aspetti normativi ed economici.

Valori comuni, miglioramento continuo, dedizione al Cliente

Seguendo l’evoluzione della professione e del contesto globale nel quale si opera, e nell’intento di assicurare alla clientela servizi rispondenti alle dinamiche esigenze di mercato, Aloise&Partners ha ad oggi sviluppato una importante e consolidata rete di collaboratori sia interni sia legati a realtà complementari, ciascuno con specifiche e qualificate competenze, ma tutti con la medesima cura, efficacia, interattività ed etica professionale.

Alla base del rapporto professionale sta la condivisione di valori comuni, uno stile fondato sull’impegno al miglioramento continuo, e la dedizione al Cliente verso il quale l’approccio è improntato alla ricerca della massima trasparenza. La creazione di partnership tra loro collegate consente di acquisire quelle conoscenze indispensabili per competere in un sistema economico in costante trasformazione e per supportare sempre al meglio il cliente nelle sue iniziative imprenditoriali.

Carpe Diem

Mi viene spontaneo il pensare al fatto che il nostro pianeta sia come un granello di sabbia nell’immensità dell’Universo e di riflettere sul suo destino. Sul quale anche noi incidiamo negativamente con i nostri comportamenti irresponsabili. Si susseguono allora dubbi e speranze. La terra è destinata all’autodistruzione? Spero proprio di no……

È il momento di arrivare a quella consapevolezza necessaria che ci spinga ad agire per il bene dell’umanità perché restando in attesa il mondo soffoca, viene schiacciato sotto il peso della noncuranza e dell’indifferenza. Ogni secondo è importante (“CARPE DIEM”), ogni secondo conta.

Eva Hodinovà

Universo

Di certo, l’enigma più grande e straordinario, ancora più che l’universo, è la nostra mente, di cui ancora sappiamo tanto poco, molto meno di quello che essa ha capito dell’universo.

Margherita Hack

Pietra Filosofale 

Innanzitutto, la forma circolare che rammenta il Sole e i pianeti che vi ruotano attorno e quindi quell’Universo che da noi è maggiormente conosciuto. Poi la parte increspata delle ceramiche fa pensare ad un improvviso sommovimento che sta per rivelarsi repentinamente.

A questa parte concreta l’artista abbina nel lembo sottostante alcuni colori trasparenti come se derivassero da una rivelazione luminosa, traslucente, inaspettata, lontana da ogni possibile schema precostituito.

Non siamo alla alchimia della Lapis Philosophorum, ma l’effetto è seducente e sembra trasportarci per un attimo in un mondo sconosciuto.

Ettore Ceriani

Pietra Filosofale

Inutile sottolineare che il triplo potere è stato cercato da tanti nel corso dei secoli, ma nessuno è riuscito ad acquisire, seppure in minima parte, questa intrigante capacità alchemica.

Ora a provarci è Eva Hodinovà, ma la sua è solo una pretesa artistica: tentare di fornire un’immagine attinente ad una possibile pietra filosofale o che faccia sorgere nelle menti degli osservatori un possibile collegamento con la stessa.

Mi sembra che ci sia riuscita e nelle sue plastiche invenzioni siano diversi gli elementi sitivi.

Ettore Ceriani

Pietra Filosofale

Se andiamo ad esaminare la lunga ed articolata storia dell’Umanità possiamo notare come la stessa tenda spesso a rifuggire dalle dure evidenze della realtà dando credito a leggende che, nate nell’interiorità, finiscono per tramutarsi nel tempo in persistenti illusioni.

Una di queste è sicuramente la Pietra Filosofale che stando alle aspettative, potrebbe fornire -a seconda dei casi – un Elisir di lunga vita, far acquisire l’onniscienza, ovvero la conoscenza assoluta del bene e del male oltre che del passato e del futuro, permettere di tramutare in oro i metalli vili.

Ettore Ceriani

Pietra Filosofale

Carl Gustav Jung, in particolare, vedeva nella pietra filosofale la metafora dello sviluppo psichico di ogni essere umano, la forza che lo spinge verso la propria identità attraverso una sempre maggiore differenziazione.

L’universo è l’unico quadro in cui la parte più interessante e misteriosa si trova al di là della cornice.

Fabrizio Caramagna

Pietra Filosofale

“Una poetica, suggestiva e affascinante ipotesi cosmologica per dare corpo alla misteriosa pietra filosofale”

Alfonso Paolella

Radici delle Future Germinazioni

L’opera “Radici delle Future Germinazioni” allude al ciclo di vita, simboleggia l’energia vitale e creatrice della terra. La nostra sfida è quella di conservare e proteggere l’ambiente e le risorse naturali. La consapevolezza per ricreare un mondo migliore è data dall’insegnamento della natura stessa, la natura che si riappropria del suo ambiente per generare vita.

Credo che avere la terra e non rovinarla sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare. (Andy Warhol)

Universo e pietra filosofale

La pietra filosofale di Eva

“Una poetica, suggestiva e affascinante ipotesi cosmologica per dare corpo alla misteriosa pietra filosofale”

Alfonso Paolella

__________

Se andiamo ad esaminare la lunga ed articolata storia dell’Umanità possiamo notare come la stessa tenda spesso a rifuggire dalle dure evidenze della realtà dando credito a leggende che, nate nell’interiorità, finiscono per tramutarsi nel tempo in persistenti illusioni.

Una di queste è sicuramente la Pietra Filosofale che stando alle aspettative, potrebbe fornire -a seconda dei casi – un Elisir di lunga vita, far acquisire l’onniscienza, ovvero la conoscenza assoluta del bene e del male oltre che del passato e del futuro, permettere di tramutare in oro i metalli vili.

Inutile sottolineare che il triplo potere è stato cercato da tanti nel corso dei secoli, ma nessuno è riuscito ad acquisire, seppure in minima parte, questa intrigante capacità alchemica.

Ora a provarci è Eva Hodinovà, ma la sua è solo una pretesa artistica: tentare di fornire un immagine attinente ad una possibile pietra filosofale o che faccia sorgere nelle menti degli osservatori un possibile collegamento con la stessa.

Mi sembra che ci sia riuscita e nelle sue plastiche invenzioni siano diversi gli elementi sitivi.

Innanzitutto, la forma circolare che rammenta il Sole e i pianeti che vi ruotano attorno e quindi quell’Universo che da noi è maggiormente conosciuto. Poi la parte increspata delle ceramiche fa pensare ad un improvviso sommovimento che sta per rivelarsi repentinamente.

A questa parte concreta l’artista abbina nel lembo sottostante alcuni colori trasparenti come se derivassero da una rivelazione luminosa, traslucente, inaspettata, lontana da ogni possibile schema precostituito.

Non siamo alla alchimia della Lapis Philosophorum, ma l’effetto è seducente e sembra trasportarci per un attimo in un mondo sconosciuto.

Ettore Ceriani

__________

Di certo, l’enigma più grande e straordinario, ancora più che l’universo, è la nostra mente, di cui ancora sappiamo tanto poco, molto meno di quello che essa ha capito dell’universo.

Margherita Hack

__________

Carl Gustav Jung, in particolare, vedeva nella pietra filosofale la metafora dello sviluppo psichico di ogni essere umano, la forza che lo spinge verso la propria identità attraverso una sempre maggiore differenziazione.

L’universo è l’unico quadro in cui la parte più interessante e misteriosa si trova al di là della cornice.

Fabrizio Caramagna

Eva Hodinovà

Note biografiche:

Eva Hodinovà, nata a Praga (Rep.Ceca), si è trasferita in Italia nel 1968. Diplomata presso Pragoděv di Praga (1964). Ha frequentato l’Atelier di František Emler a Praga e in Italia l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Ha partecipato a corsi di incisione, restauro, affresco murale e ceramica Raku.

Molti i concorsi cui ha partecipato ottenendo premi nazionali e internazionali. Al suo attivo ha l’allestimento di oltre 100 mostre personali e 370 mostre collettive a Milano, Novara, Varese, Gallarate, Salsomaggiore Terme, Ragusa, Bergamo, Piacenza, Busto Arsizio, Malpensa, Legnano, Tradate, Sarnano Terme, Arona, Lago D’Orta, San Remo, Stresa, Albissola Marina, Roma, Lecce, Gallipoli, Francia (Arcachon, Parigi), Svizzera (Zofingen, Zurigo, Agno, Vallemaggia), Montecarlo, Rep.Ceca (Praga, Brno, Vinor), Argentina (prov.Corrientes), Rep. Dominicana (Santo Domingo), Inghilterra (Manchester), Polonia (Crosno).

Eva Hodinovà ha eseguito murales ad Orta San Giulio fraz. Legro (Paese dipinto).

Dal 1980 al 2016 ha gestito “Centro Culturale Angerese” e Galleria “Studio d’Arte Liberty “di Angera. È socio di”Atelier Capricorno” di Cocquio Trevisago. Fa parte di “Associazione liberi Artisti della provincia di Varese”e di“Association of Ceramics Artists SVUK”- Praga Czech Rep. È socio del“Museo della Permanente” Milano.

Inserita nella Collezione Sgarbi nella raccolta delle Stampe e dei Disegni. Pubblicazione nel libro d’arte “Gli artisti nella Collezione Sgarbi”.

Note critiche:

Alessandra Benabbi, Elio Bertozzi, Adriana Bolchini, Corrado Bordobi, Giuseppe Bosich, Siro Brondoni, Clara Castaldo, Ettore Ceriani, Everardo Dalla Noce, Antonino De Bono, Lucio Del Gobbo, Giorgio Falossi, Carlo Franza, Norberto Furlani, Carlo A. Gianinazzi, Adriano Guarneri, Angelo Mistrangelo, Mario Monteverdi, Donatella Muffato, Andrea Nannia, Fabrizia Buzio Negri, Barbara Romano, Giorgio Rota,  Plinio Sidoli, Luigi Stadera, Luigi Valerio, Svatava Vynal, Antonella Visconti, Rebecca Rodin, Eva Kratkà, Laura Tirelli, Josef Dvorsky, Marie Martykanova, Zdenek Freisleben, Lara Treppiede, Alessio Magnani, Silvia Ceffa, Lara Scandroglio, Matteo Bollini, Vittorio Sgarbi, Alfonso Paolella …